Biblioteca Comunale A. Morvidi di Manciano

Biblioteca Comunale A. Morvidi di Manciano

Contatti

Biblioteca Comunale "Antonio Morvidi" Manciano
Via XX Settembre 77-79, Manciano
0564/625329

Orario Chiusa

Oggi la biblioteca è aperta dalle 14:00 alle 19:00

Visualizza l'orario completo
    

NUOVE MODALITA' DI ACCESSO ALLA BIBLIOTECA CON  GREEN PASS

- In ottemperanza alle nuove disposizioni governative, dal 9 ottobre 2021 si potrà accedere alla biblioteca e alla consultazione a scaffale presentando il Green Pass (ad eccezione delle categorie esonerate e dei minori di 12 anni, che dovranno in ogni caso essere accompagnati da un genitore/tutore).

- RIAPRONO LE SALE STUDIO a piena capienza, riservate ai maggiorenni o ai minori accompagnati da un genitore/tutore, senza obbligo di prenotazione.

- Gli utenti sprovvisti di Green Pass POTRANNO COMUNQUE usufruire del servizio di prestito e interprestito di libri e DVD con la c.d. modalità TAKE AWAY (prestito sul portone).

- Rimane sospeso il servizio di internet point da postazione fissa, ma gli utenti muniti di Green Pass potranno utilizzare i propri dispositivi elettronici usufruendo della connessione wifi gratuita della Biblioteca, sempre previa prenotazione di una postazione di studio.

- RIMANGONO ATTIVE LE MISURE DI CONTENIMENTO DELLA PANDEMIA (distanziamento, disinfezione delle mani e utilizzo della mascherina).

Vi aspettiamo!

        

Nuovi Arrivi

Vedi tutti

Prossimi eventi

Nessun evento in programma
La biblioteca comunale di Manciano nasce nel 1965 come una piccola raccolta di volumi collocata nel palazzo pubblico. Nel 1970 viene allestita una sede in piazza Matteotti, dove un tempo sorgeva la chiesa di Santa Lucia; un regolare orario di apertura al pubblico, l’acquisto di libri e periodici e la dotazione dei primi semplici cataloghi la rendono un’istituzione che si guadagna un suo spazio nel panorama culturale di Manciano. E presto quell’unica sala diventa insufficiente per accogliere un posseduto in continua crescita e un’utenza sempre più numerosa.
Alla metà degli anni Settanta il parlamentare e giurista mancianese Leto Morvidi dona alla comunità l’abitazione del padre Antonio e si rende patrono di un processo di riorganizzazione della biblioteca. Nel 1977, nella nuova sede di via XX Settembre, nasce la Biblioteca Comunale “Antonio Morvidi”, intitolata all’insegnante, pedagogista, dirigente scolastico e amministratore, figura di riferimento importante della popolazione mancianese fra Ottocento e Novecento. Leto Morvidi accompagna a lungo la crescita della biblioteca, sostenuto dai sindaci Raimondo Grifoni ed Enzo Merli e dagli amministratori e storici mancianesi Alfio Cavoli e Lilio Niccolai. Nel giro di pochi anni dona la sua ricca biblioteca di studioso di giurisprudenza, di dottrine politiche, di letteratura; lascia alle cure del Comune l’archivio di famiglia e la collezione di dipinti del padre; promuove una serie di acquisti di prestigio e cura perfino l’arredo e l’assetto dei locali, di concerto con la prima bibliotecaria stabile: Ilva Albani.
In quarant’anni, altre donazioni di prestigio hanno arricchito il posseduto della biblioteca mancianese, che ha acquisito, fra gli altri, i volumi di Bruno Vannucci (scrittore e pittore), di Adriano Rossi (bibliofilo e collezionista), di Franco Pintore (archeologo e linguista del vicino Oriente antico), di Amneris Sammicheli-Morvidi (storica dell’arte), di Solidio Pratolini (musicista), di Giuseppe Montalenti (genetista e presidente dell’Accademia dei Lincei).
Oggi la biblioteca Morvidi ha un patrimonio di circa 20.000 volumi, organizzati in gran parte a scaffale aperto e ordinati secondo la Classificazione Decimale Dewey. Ha una vocazione generalista, con una preponderanza nei settori delle scienze sociali e letterario. Degne di nota la Sezione Locale e la nuova Sezione di Archeologia, collocate nella grande Sala della Maremma; la Sezione Bambini e Ragazzi, ospitata in una sala dedicata ai più giovani.
La Biblioteca Comunale “Antonio Morvidi” è il più antico e vivo polo culturale di Manciano e opera anche come osservatorio sulla storia e la cultura della Maremma: custodisce un archivio storico, un repertorio fotografico e un’emeroteca di ambito provinciale. Aderisce a progetti di respiro nazionale fra i quali ricordiamo “Nati per leggere”, “Il maggio dei libri”, "Città che legge". Fa parte della Rete grossetana di Biblioteche, Archivi, Centri di documentazione.