Vedi tutti

Gli ultimi messaggi del Forum

Il canto di Natale - Charles Dickens

Un piccolo capolavoro che ha superato la prova del tempo, risultando attualissimo anche (e soprattutto) al giorno d’oggi.
Semplice ma profondo; ricco di buoni sentimenti, ma senza scadere mai nelle stucchevoli melensaggini tipici delle festività. Scorrevole ed ironico, ci ricorda l’importanza della compassione e della generosità verso gli altri e fa riflettere sulla società.
Sarà per il calore che trasmette o per il finale felice o ancora per quell’atmosfera fiabesca, ma “la storia del vecchio avaro che si pente a Natale” (Cit.) ha ancora un suo grande fascino.
Consigliatissimo da leggere almeno una volta nella vita, soprattutto (che sorpresa) nei giorni che precedono il Natale.

La conquista del Polo sud - Roald Amundsen

Narrato in prima persona, l'opera si propone come fedele cronaca dei fatti salienti della spedizione norvegese che prima fra tutte riuscì nell'impresa di conquistare il Polo Sud geografico. Portavoce dell'ottimismo e della fiducia che caratterizzarono l'Epoca Eroica delle esplorazioni antartiche, Amundsen introduce il lettore ai più intimi particolari della spedizione, dall'avvistamento dei primi ghiacci all'approdo presso Baia delle Balene, dai preparativi del lungo inverno polare alla febbrile avanzata sulla Barriera di Ross, attraverso i mille perigli che insidiarono lui e gli uomini al suo seguito.

Lettura consigliata agli appassionati di geografia e navigazione: misurazioni astronomiche, calcoli per tracciare la posizione, venti, correnti oceaniche e strumenti scientifici raccontati con dovizia di particolari rischiano di annoiare i lettori meno inclini. Un po' di pazienza è richiesta altresì per sopportare la pompa di cui talvolta il narratore fa uso, che risulta artificiosa e anacronistica se osservata con occhi contemporanei. La lunghezza del libro potrebbe scoraggiare i più, ma è di un viaggio di migliaia di chilometri quello di cui stiamo parlando, in un continente inospitale grande quanto l'Europa. Se per un'ora la frenesia delle nostre giornate può venir meno, sarà allora il momento di unirci a questa lunga, gelida marcia sferzata dal vento, sotto il cielo stellato della notte polare.

Una cosa divertente che non farò mai più - David Foster Wallace

Un libro che nasce dalla penna geniale di un autore purtroppo prematuramente scomparso, e nasce come un vero reportage commissionato da un famoso giornale per raccontare ai lettori l'esperienza di una crociera extralusso ai Caraibi nella primavera del 1995. Il reportage si espande, si arricchisce in infinite e dettagliate descrizioni, si avvolge in innumerevoli note a piè di pagina che hanno loro stesse delle note a piè di pagina. Diventa a tutti gli effetti un resoconto antropologico e tragicomico della società consumista occidentale nell'era del turismo come droga di massa. Il testo (in effetti molto denso ma piuttosto breve) risulta esilarante, intessuto da battute fulminanti e aneddoti inverosimili. La cosa più divertente da fare è cercare su internet riscontro delle innumerevoli informazioni fornite dall'autore, così da scoprire che tutto ciò che scrive è assolutamente e malinconicamente vero. Vi sembrerà, dopo averlo letto, di essere stati anche voi in crociera con lui, intrappolati dentro una meganave che ha tutti i tratti di un inferno dantesco. Con tanta frutta.

Libro 3: L'ombra dello shogun - Camille Monceaux

Il terzo libro si riconferma una lettura piacevole.
Cambia protagonista, ma lo stile e l’attenzione dell’autrice sono le stesse dei precedenti volumi e riesce a tenerti appeso alle pagine per scoprire come proseguirà la storia.
Come nei precedenti, l’approccio alla crescita della protagonista è abbastanza classico, ma questo non è un male, anzi viene trattato con la giusta dignità e mostrando tutti i lati della personalità della ragazza, sia forti che fragili.

Libro 2: La spada dei Sanada - Camille Monceaux

Avvincente, coinvolgente ed emozionante. Il secondo volume prosegue degnamente la storia, arricchendo il quadro di nuove ambientazioni, eventi e personaggi, tutti ben descritti e con qualche colpo di scena.
Come il predecessore, l’autrice si concentra di più sulla crescita del protagonista e sulle sue interazioni con gli altri personaggi, lasciando più in secondo piano le battaglie roboanti, ma riuscendo a trovare un buon equilibrio.

Libro 1: La maschera del Nō - Camille Monceaux

Una piacevole sorpresa che trasporta in un credibile Giappone del XVII, con tutta la sua bellezza e crudeltà, secolo attraverso gli occhi e le emozioni del giovane protagonista.
Lo stile di scrittura è chiaro e scorrevole, ricco di dettagli ma mai troppo pesante e dipinge un affresco della vita nipponica del 1600, colmo di minuziosi particolari. È impossibile non notare lo studio e la ricerca fatta dall’autrice per rendere credibile e rispettosa la sua storia, così come affezionarsi ai suoi personaggi, specialmente al protagonista.

R: Good omens - Terry Pratchett & Neil Gaiman

Una lettura molto divertente, coinvolgente, che ti lascia incollato alle pagine fino alla fine, ricca di riferimenti alla cultura pop e di humor prettamente “british”.
I due protagonisti sono irresistibili, così come molti dei comprimari che sfilano in questa surreale favola moderna.
E non poteva essere altrimenti vista la partecipazione di Neil Gaiman, senza nulla togliere a Sir. Terry Pratchett.

Ci scusiamo per il disagio - Roberta Lepri

Molto toccante, il mondo dei senza tetto descritto senza pietismi ma anzi con una certa dignità. Bello il background grossetano ben descritto, si riconoscono personaggi che hanno fatto parte del "colore cittadino" descritti con una umanità e empatia veramente commoventi.

L'intruso - Tana French

Molto angosciante su diversi fronti, bella trama con innumerevoli svolte assolutamente impensabili, deve piacere lo stile della scrittrice, per me la migliore giallista contemporanea

Il collegio - Tana French

Bella rappresentazione del mondo adolescenziale, di stampo molto anglosassone, ma piacevole. Il giallo é molto classico in stile Agatha Christie ... 10 ore di interrogatori e il colpevole messo alle strette confessa.