Rete Grossetana Biblioteche Archivi Centri di Documentazione (GROBAC)

Un’unica grande famiglia

 

La Rete Grossetana Biblioteche Archivi Centri di Documentazione vi dà il benvenuto all’interno della propria “casa virtuale”.

Navigando in questo ambiente potrete entrare in contatto con i componenti di questa grande famiglia formata da biblioteche di enti pubblici, di istituti culturali, di fondazioni e di istituti scolastici che aderiscono alla Rete, nonché dagli archivi storici della Provincia di Grosseto.

Oltre a permettere la consultazione del catalogo, il portale vi terrà informati sulle novità acquisite a scaffale, sui libri più letti, sulle attività che si svolgono nelle biblioteche e negli archivi; attraverso la community potrete commentare, criticare, suggerire, scambiarvi idee sui libri letti e sui film visti e, soprattutto, darci nuovi stimoli ed indirizzare la politica della rete.

Il nostro fine ultimo, la nostra ambizione, consiste nel riuscire a rispondere ad ogni vostra esigenza di lettura e di informazione perché, come in tutte le grandi famiglie, la crescita non deve essere individuale ma collettiva.

AVVISO IMPORTANTE
Dal 1° aprile 2022 per l’accesso alle biblioteche non è più richiesto il possesso del green pass rafforzato, né di quello base.
Dal 1° maggio 2022 decade l’obbligo di indossare dispositivi di protezione delle vie respiratorie.
È comunque fortemente raccomandato indossare la mascherina durante la permanenza in biblioteca, in particolare nella sala studio.
https://cultura.gov.it/comunicato/22550
https://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2022/04/30/22A02726/SG


Vedi tutti

Ultimi arrivi

Vedi tutti

Bertrand Russell, a 150 dalla nascita



La rosa

Jorge Luis Borges

La rosa,
l'immarcescibile rosa che non canto,
quella che è peso e fraganza,
quella del nero giardino nella notte profonda,
quella di qualunque giardino e di qualunque sera,
la rosa che risorge dalla tenue
cenere per l'arte dell'alchimia,
la rosa dei persiani e di Ariosto,
quella che è sempre sola,
quella che è sempre la rosa delle rose,
il giovane fiore platonico,
l'ardente e cieca rosa che non canto,
la rosa irragiungibile.

traduzione di Livio Bacchi Wilcock

La rosa bianca

Attilio Bertolucci

Coglierò per te
l'ultima rosa del giardino,
la rosa bianca che fiorisce
nelle prime nebbie.

Le avide api l'hanno visitata
sino a ieri,
ma è ancora così dolce
che fa tremare.
È un ritratto di te a trent'anni,
un po' smemorata, come tu sarai allora.

In un momemto

Dino Campana

In un momento
sono sfiorite le rose
i petali caduti
perché io non potevo dimenticare le rose
le cercavamo insieme
abbiamo trovato delle rose
erano le sue rose erano le mie rose
questo viaggio chiamavamo amore
col nostro sangue e colle nostre lagrime facevamo le rose
che brillavano un momento al sole del mattino
le abbiamo sfiorite sotto il sole tra i rovi
le rose che non erano le nostre rose
le mie rose le sue rose.
P.S. E così dimenticammo le rose

Concessione

Giorgio Caproni

Buttate pure via
ogni opera in versi o in prosa.
Nessuno è mai riuscito a dire
cos’è, nella sua essenza, una rosa.

Vedi tutti

Prossimi eventi

Follonica
Un libro al mese
La Biblioteca della Ghisa, in collaborazione con le librerie Altri Mondi e Chiti, presenta: Un...
Chelliana
#ChellianaChallengeCinema
Ami guardare film? Partecipa a #ChellianaChallengeCinema, la nostra nuova sfida, dedicata agli appassionati della settima...
Chelliana
Biblioteca Umana: 2. appuntamento
Sabato 28 maggio, presso la Biblioteca Comunale Chelliana, secondo appuntamento con la “Biblioteca Umana” Dalle 10:00... Orario:
Vedi tutti

Gli ultimi messaggi del Forum

Il buio oltre la siepe - Harper Lee

Una lettura piacevole e soddisfacente, forse un pochino prolisso in un paio di passaggi ma scorrevole e indimenticabile.
Il tema centrale è la diversità in ogni sfumatura che viene trattata con la giusta delicatezza, riuscendo a far capire al lettore dove si vuole arrivare senza bisogno di dettagli scabrosi, il tutto attraverso gli occhi della giovane protagonista.
Un libro che scalda il cuore e che tutti dovrebbero leggere.

La fabbrica di cioccolato - Roald Dahl

Un libro per bambini che può essere apprezzato anche dagli adulti.
Divertente, coinvolgente, un po’ cinico ed istruttivo (soprattutto negli ultimi tempi). Ci sono sfumature che non si possono cogliere da bambini, non del tutto, e vale la pena leggerlo (o rileggerlo) anche da grandi.

Prestiti in corso 0
Prestiti di oggi 0
Utenti attivi 0
Numero documenti 0